Associazione Lavoratori ACNA Cengio

Associazione Lavoratori ACNA Cengio

Associazione Lavoratori ACNA Cengio

Associazione Lavoratori ACNA Cengio

redazione

L’Associazione Lavoratori Acna di Cengio, nella testimonianza del suo Presidente Pier Giorgio Giacchino, intende fornire alle generazioni che hanno ereditato il “problema Acna” una storia di ciò che è avvenuto – e che nessuno ha mai così raccontato – tenendo in giusto conto le conseguenze patite dal territorio, dalla popolazione e, specificamente, dai lavoratori. E soprattutto cosa sarà il futuro.

Buona lettura

Dopo 100 anni dal primo insediamento chimico-industriale di Cengio e dopo 30 giorni dell’atto tecnico-politico proposto  dal Sindaco di Camerana ed approvato il 31 ottobre 1987, questo è in assoluto il primo atto Ministeriale che segna la svolta della secolare vicenda della Valle Bormida e mette fine alle sue sistematiche sconfitte. Prende avvio la prima se non unica vera “guerra ambientale” italiana con la  mobilitazione corale dei Comuni della Valle, che scuoterà senza sosta le istituzioni regionali e nazionali per un intero decennio fino alla chiusura definitiva delle produzioni ACNA nel 1999.

Un’ iniziativa di assoluta avanguardia stante la generale maturità ambientale dell’epoca, considerando che lo stesso Ministero dell’Ambiente era stato costituito  appena l’anno precedente, il 15 luglio 1986.

Scarica il PDF della Risposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Scarica il PDF della Legge Istitutiva del Ministero dell’Ambiente

Il Sindaco Pier Giorgio Giacchino propone al Consiglio Comunale ed ai Sindaci della Valle Bormida la Deliberazione che segna la svolta decisiva sulla centenaria vicenda ambientale dell’ACNA di Cengio.

Tale atto diventa la Madre di tutte le Delibere via via adottate dai 51 Comuni della Valle, creando un’onda mediatica per oltre sei mesi ed una mobilitazione istituzionale e popolare per oltre dieci anni, fino alla definitiva cessazione di tutte le attività produttive.

19871031-Camerana-Delibera_60.